Top 5 Guatemala e Belize

In un percorso che, da Ciudad de Guatemala, vi porta fino a Belize City, a mio avviso sono 5 le tappe imperdibili attaverso le due mete centro-americane. Un viaggio che alternerà, lungo strade a volte impervie ma sempre affascinanti, l’eredità coloniale spagnola, la forza della natura, tra vulcani, fiumi e laghi, le popolazioni Maya con gli attuali costumi e i siti storici dell’antica civiltà precolombiana, i paesaggi fatti di piantagioni di caffè e mais, montagne e giungla, fino alle palme di un’isola in Belize.

In ordine, scappati dalla capitale guatemalteca, saranno necessari almeno tre giorni per godere delle strade del centro di Antigua e dell’escursione sui vulcani limitrofi. Imperdibili i resti delle chiese cattoliche spagnole in centro, nell’antica capitale, e l’ascesa al vulcano Acatenango per ammirare il dirimpettaio Pacaya ancora in attività.

Consigli per dormire: Posada San Carlos. Consiglio per fare serata: il Fridas

dav

La seconda tappa imperdibile del Guatemala è una coppia: prima a Panajachel, cittadina abbastanza anonima ma utile per ammirare il lago Atitlan e l’omonimo vulcano e poi  Chichicastenango per il mercato all’aperto più entusiasmante dell’America Centrale. Due raccomandazioni: sulle rive del lago, in una cittadina che cerca di salvare le sue sponde dall’acqua, la vista migliore della coppia di vulcani si ha dal giardino dell’Hotel Jardines del Lago. In città il cibo migliore si trova in un’osteria uruguagia in Calle Santander. Per non perdere il mercato dovrete organizzarvi in modo da essere in città il giovedì e la domenica.

dav

Per le prossime tappe, Semuc Champey e Tikal, serviranno tanta pazienza e tanti chilometri in pullmino. Ma verrete ripagati da due imperdibili mete per conoscere il Guatemala, il consiglio numero 3 e numero 4 di questa rassegna. Il passaggio per Semuc Champey, al di la delle acque dolci e limpide nelle quali fare un tuffo, vale lo sforzo se pernotterete all’ostello El Portal, immerso nella giungla, sulle rive del fiume, con esperienza imperdibile di risvergliarsi nella natura (e quella meno imperdibile di arrivarci per un ponte di ferro malmesso e strade sterrate di montagna)

dav

Con altre (parecchie) ore di viaggio si raggiunge Flores, cittadina graziosa che è anche un isolotto sul lago e, soprattutto, base ideale per visitare il parco di Tikal, con le rovine Maya più affascinanti del Guatemala. Consiglio la visita di Tikal all’alba, per godere dei suoni del risveglio delle scimmie urlatrici nella giungla e la visita del sito Maya con la guida a disposizione e nessun turista intorno. A Flores val la pena pernottare in uno dei tanti alberghetti sul Malecon.

Tikal

Infine il Belize, il relax, il mare e la barriera corallina. L’isola più tranquilla è di certo Caye Caulker, dove troverete ciò che vi occorre per dimenticarvi tutto il resto. Consiglio di pernottare al Koko King, per approfittare della spiaggia (l’unica in verità) migliore della parte settentrionale dell’isola. Per un’imperdibile escursione sulla barriera corallina, noleggiate un Tour con Reggae Muffin e vivrete il mare con lo stile rastafariano

KokoKing

Il sole tramonterà ogni sera di fronte a voi, mentre il ricordo di questo viaggio non tramonterà mai.

sunsetBelize

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s