Month: July 2015

Miami & the Keys

Passare in poche centinaia di miglia dai locali di South Beach al tramonto di Key West, passando tra gli alligatori delle Everglades e i motel nascosti dalle mangrovie della Strada 1.

South Beach: fate la fila davanti ad un locale di Collins Avenue o prendete un drink tra i bar di Ocean Drive, vedrete una varietà di corpi femminili, di automobili, di musica, di abiti, di atteggiamenti che vi lascerà a bocca aperta…

IMG_0330

…tra lampi e tuoni di un temporale estivo che non arriverà mai e turisti che si atteggiano a vip (e vip che si comportano da turisti).

Fate jogging sulla Promenade, tra gli hotel art deco, le palme e l’oceano…abbronzature e muscoli, sudore e sorrisi!

DSC_0241~2

Downtown: sentir parlare solo spagnolo, tra i grattacieli di downtown, lungo il Miami River e sotto il Metromover…fino al Waterfront Park, dove potrete scegliere dove mangiare, cosa comprare, gustando un daiquiri e ascoltando musica dal vivo.

Everglades: paludi e alligatori, tanto caldo e le strutture di Flamingo Bay abbandonate dopo l’uragano Wilma…

…sulla strada fermarsi a “Robert is here” per gustare il miglior frullato di frutta della South Florida

IMG_0238

On the road: fast food, centri commerciali, strade a 4 corsie con limiti di velocità implausibili, pick up e grandi macchine…e i fantastici motel sulla strada: un consiglio, tra Miami e le Keys passate una notte al Fairway Inn tra Homestead e Florida City:

10178135_10155731318580368_7563395465041100242_n 10995628_10155724547275368_156302628400825524_n

auto parcheggiata di fronte alla porta della stanza, una piscina a disposizone per riposarsi dal viaggio e palme e sole!

KEYS: guidare la vostra auto noleggiata lungo i ponti della Overseas Highway varrebbe di per se i Km che separano l’America da Cuba…

IMG_0246

…le isolette, collegate o meno, le barche dei pescatori, gli hippies arrivati 40 anni orsono e ancora palme, mare, mangrovie, locali sulla strada (non perdetevi l’Hurricane a Marathon)

IMG_0294 IMG_0261

KEY WEST: non fosse altro per quel tramonto, visto da Mallory Square…

IMG_0254

…tra case coloniali e pub crawl per studenti. Ma quel sole che scende nelle acque, dove confluiscono i Caraibi ed il Golfo del Messico, la Baia della Florida e l’Oceano Atlantico merita il viaggio. Godetene lo spettacolo, sorseggiando un Mojito al Pier House!

Advertisements

Di buono c’è solo la maglia (e noi si tifa quella)

image

La stagione della Fiorentina è cominciata come peggio non si potrebbe. Prima la grana Montella poi l’affaire Salah: in entrambi i casi la società si sente vittima di comportamenti scorretti, parla attraverso i comunicati stampa…ma alla fine ad uscirne indebolita è la squadra. Perché seppur il ciclo del Mister Vincenzo appariva in esaurimento,  Paulo Sousa rappresenta un azzardo. Se, come è ormai certo, il Messi d’Egitto giocherà altrove, l’uomo della provvidenza, del trionfo allo Stadium difficilmente troverà un sostituto all’altezza (a meno che Pepito non si riprenda).
In entrambe le circostanze è apparso evidente come la Fiorentina fatichi a fare il salto di qualità: Montella per migliorare il suo 4 posto necessitava di investimenti sul mercato; Salah per firmare (oltre l’ingaggio che sembrava fosse congruo) necessitava di un’ambizione.
Con la politica dei Della Valle non falliremo più ma smetteremo presto di sognare.